Sistemi (4.0) che creano oggetti preziosi: Foto 1

Sistemi (4.0) che creano oggetti preziosi

Biesse Group ha sviluppato sistemi di lavorazione del legno nel solco di Industria 4.0. Innovazione, ergonomia, semplicità d’uso, sicurezza dell’operatore e interfaccia uomo-macchina sono i parametri più importanti che caratterizzano le macchine della società pesarese. Tra i suoi utilizzatori i marchi più prestigiosi del design italiano e internazionale. La redazione di Progettare ha intervistato Mauro Pede, Product Management Wood Director dell’azienda marchigiana.

“Progettiamo e studiamo le nostre tecnologie - ha esordito Pede -, innovazioni e soluzioni, pensando sempre all’utilizzo che ne potrà fare il nostro utilizzatore, un utilizzo migliore, sempre in totale sicurezza. Per questo motivo i nostri prodotti sono realizzati per facilitare il suo lavoro quotidiano."

Tra le più recenti innovazioni tecnologiche, per esempio, si può annoverare innanzitutto l’ultima nuova arrivata nella lavorazione Nesting, lavorazione sempre più presente anche nel mercato europeo grazie alle importanti prestazioni raggiunte e alla qualità di finitura, senza tralasciare tutte le potenzialità nell’eseguire più operazioni nella stessa macchina.
Mauro Pede Product Management Wood Director

Questo nuovo centro di lavoro Rover B FT HD, è progettato tenendo in considerazione ogni aspetto della macchina, con l’obiettivo di aumentare l’effettiva produttività giornaliera, mantenendo al contempo costanti qualità e sicurezza per l’operatore.Accanto al recente centro di lavoro, citiamo XPS - Extreme positioning System, soluzione appositamente studiata per i centri di lavoro a controllo numerico, in grado di posizionare simultaneamente tutti i sistemi di bloccaggio e di spostare i pezzi durante l’esecuzione del programma senza l’intervento manuale dell’operatore.

O ancora alle tecnologie Air Force System e Ray Force System, due soluzioni per l’applicazione del bordo, capaci di garantire massima qualità di finitura, e semplicità di utilizzo. Pede ha continuato: “Come non citare SOPHIA, la piattaforma IoT, che garantisce ai nostri utilizzatori sempre più efficienza nel ciclo vita del prodotto, grazie a tutte le informazioni sulla manutenzione operativa, predittiva, assistenza e ricambi. Abilita i nostri clienti a controllare l’andamento del lavoro. Grazie, infatti, all’invio in tempo reale di informazioni e dati sulle tecnologie è possibile monitorare la produzione, analizzare il funzionamento delle macchine, individuare i malfunzionamenti, assistere gli utenti nelle operazioni di manutenzione, ordinare i ricambi in tempi ridotti e prevenire eventuali guasti”.

Leggi l’intervista completa su Progettare (p.56).

A cura di Gabriele Peloso.

Go to top of page